• +393319240000
  • info@socialsitiwebfano.it

Archivio dei tag seo

SEO tool controllo posizionamento keywords gratis

Oggi vi proponiamo un tool gratuito per la verifica del posizionamento di alcune keywords per il vostro sito web.

SEO tool per il controllo posizionamento keywords

Hai creato un sito web e vuoi controllare lo stato di indicizzazione delle pagine o articoli che hai creato? Questo articolo fa al caso tuo, in quanto ti mostreremo come controllare gratuitamente il posizionamento dei tuoi lavori nella SERP di Google.

Smallseotools.com, SEO tool per il controllo del posizionamento delle keywords

Attraverso questo tool completamente gratuito è possibile controllare il posizionamento di un sito a vostra scelta per un massimo di 5 keywords alla volta.

Il tool ha un utilizzo illimitato e gratuito perciò è possibile verificare potenzialmente un numero illimitato di parole chiave.

Il posizionamento di un sito web, indica la posizione all’interno della SERP di Google, essa è la pagina che mostra i risultati di una ricerca.

La tecnica utilizzata per ottimizzare il posizionamento di un sito web in base a determinate parole chiave è chiamata SEO.

Come funziona il tool per il controllo delle parole chiave?

Il tool è raggiungibile all’indirizzo smallseotools.com. Fra i vari proposti quello che interessa a noi si chiama “Keyword position” che dall’inglese significa posizione parole chiave.

Nel primo campo “Your domain” andiamo ad inserire l’URL del sito web che ci interessa verificare. Nel campo “Search engines” dobbiamo verificare il paese di Google che il tool va a verificare (selezioniamo google.it).

Ora nel campo “Your keywords” inseriamo un massimo di 5 parole chiave, una per riga. Risolviamo il captcha anti-robot e clicchiamo su “Check position”.

Tool gratuito per verificare il posizionamento delle keywords, i risultati

Come potete vedere dall’immagine che segue i risultati sono semplici e chiari. Parola chiave con il relativo posizionamento su Google.

SEO tool per verificare il posizionamento delle keywords

Utilizzate questo strumento più che potete in quanto è un ottimo servizio per verificare le proprie modifiche in ottica SEO.

 

Qui un articolo su SERPmojo, App per controllare il posizionamento delle keywords da Android.

 

Per un preventivo gratuito sul tuo sito web [btnsx id=”275″]

Guida: come segnalare nuovo URL a Google

Come inviare un sito a Google e Bing

Come inviare un sito a Google
Come segnalare un nuovo URL sito web a Google prer velocizzare l'indicizzazione

  1. Accedere a Google add URL
  2. Inserire URL e commento (facoltativo) e cliccare su “Aggiungi URL”
  3. Reinserire URL da inviare e confermare strumento reCaptcha
  4. Cliccare su “Invia richiesta”
  5. Attendere conferma di Google Search Console

 

 

Lo spider di Google aggiunge ogni ora, ogni minuto ed ogni secondo un nuovo sito web al suo indice. Vogliamo velocizzare il processo? Bene occorre dunque segnalare a Google la presenza di un nuovo URL.

E’ possibile segnalare anche l’URL realativo ad una nuova pagina o articolo che abbiamo creato non solo siti web appena nati.

Perchè inviare un sito a Google?

Essere presenti su Google come abbiamo parlato nell’articolo “perchè fare attività SEO?” al giorno d’oggi è di vitale importanza per un’attività che opera o meno nel web.

Qualora la nostra attività sia in competizione con altre dello stesso settore, è importante segnalare a Google la presenza di una nuova pagina o articolo (URL) in quanto ci permette di essere presenti prima dei competitor. Sia chiaro che l’indicizzazione non dipende solo da un fattore “tempo” bensì più che altro da un fattore “qualità”. Per un approfondimento sui contenuti di qualità leggi l’articolo “Blog copiato? No grazie!“.

Come inviare un nuovo sito web a Google

La procedura è veramente banale e consiste nel recarsi in questo servizio Google Add URL.

Come segnalare un nuovo URL sito web a Google prer velocizzare l'indicizzazione

Come nell’immagine soprastante, occorre iniziamente inserire il nuovo sito web nel campo URL. Il campo commenti può essere lasciato vuoto o è possibile inserire un breve testo.

Cliccando su “Aggiungi URL” accederemo alla pagina successiva.

Invio URL a Google tramite Search Console

Segnalare nuovo URL nella search console Google

Accederemo automaticamente alla Search Console di Google (WebMaster), dove occorre ripetere l’URL da inviare alla società di Mountain View. Selezioniamo ora il campo “non sono un robot” per superare il captcha.

Cliccando su “Invia richiesta” accederemo alla pagina di conferma.

Conferma invio e segnalazione nuovo URL a Google per velocizzare l’indicizzazione

Invio nuovo URL a Google Search Console

Se avete seguito correttamente i semplici passi sopra descritti, riceveremo la confera di invio URL a Google.

URL segnalato a Google e ora?

Attenzione, segnalare un sito o una URL a Google non significa che il giorno dopo la segnalazione troviamo per forza l’URL segnalata in prima pagina nella SERP. Segnalare URL a Google serve per far sapere a Google – guarda che ci sono anche io – poi sarà l’algoritmo di Mountain View a mettere in coda la richiesta, elaborarla e posizionarla nella SERP.

Ci sono stati casi (personali) nei quali dopo due ore dalla segnalazione dell’URL, era già posizionato in prima pagina nella SERP di Google per le keywords selezionate. Altri casi invece dove occorrono giorni per ottimizzare il posizionamento.

Approfondisci la SERP con questo articolo “Che cos’è la SERP e come funziona?

Se vuoi controllare il posizionamento delle parole chiave scelte nella SERP di Google dal tuo Smartphone Android, ti consigliamo di leggere questo articolo “SERPmojo: controlla SERP tramite App“.

Come segnalare un nuovo URL o sito web a Bing e Yahoo Search

Bing e Yahoo Search sono i motori di ricerca secondari, ma non per questo inutilizzati. Vediamo dunque come segnalare la disponibilità di un nuovo sito web o un nuovo URL a Bing e Yahoo Search.

Grazie ad un accordo fra i due è sufficiente segnalarlo soltanto una volta e non ad entrambi separatamente.

 

Come inviare un nuovo URL a Bing e Yahoo Search

  1. Accedere a Bing Toolbox
  2. Inserire URL nell’apposito campo
  3. Digitare i codici relativi al reCaptcha
  4. Cliccare su “Invia”
  5. Attendere conferma di Bing Toolbox

 

Hai letto l’articolo “come segnalare un sito a Google e Google”

Che cos'è e come funziona la SERP di Google

Che cos’è la SERP e come funziona?

La SERP, Search Engine Result Page è definita come la pagina in cui vengono elencati i risultati di una ricerca effettuata da un utente. SERP in italiano identifica la pagina che mostra i risultati di un quesito posto all’interno di un motore di ricerca.

Cos’è la SERP?

SERP: Search Engine Result Page (pagina dei risultati del motore di ricerca). Questa pagina cerca di raggruppare i link che rispondano in maniera più precisa possibile alla chiave di ricerca inserita. I principali motori di ricerca sono Google, Yahoo Search e Bing.

All’interno della SERP troviamo link “annuncio” e link “organici”. I link annuncio fanno parte di sponsorizzazioni a pagamento sulla parola chiave cercata all’interno del motore di ricerca, i link organici sono i risultati naturali senza sponsorizzazione a pagamento. Approfondisci qui la differenza.

Che cos'è la SERP e come funziona

Come funziona la SERP?

La SERP utilizza un apposito algoritmo in grado di analizzare i contenuti di una pagina web attraverso un bot (robot) chiamato “spider”. L’algoritmo dei motori di ricerca riceve aggiornamenti continui, più o meno significativi. Questi miglioramenti dell’algoritmo, cercano di portare risultati sempre più precisi all’interno della SERP, consentendo all’utente di trovare subito la risposta al suo quesito (query).

Il posizionamento all’interno della SERP è indicato come “ottimizzazione” o SEO (Search Engine Optimization).

La SEO per posizionarsi nella SERP

SEO: Search Engine Optimization (tecnica per il posizionamento di un sito all’interno della SERP). La SEO è anche chiamato “posizionamento nei motori di ricerca” e vista la sua importanza è diventato a tutti gli effetti un lavoro. Il ruolo del WebMaster (colui che crea il sito web), non sempre corrisponde al SEO specialist (figura specializzata nella SEO). Sono i test, le prove e le modifiche continue che portano un sito web a posizionarsi in cima nella SERP di un motore di ricerca.
Per segnalare un nuovo sito web, pagina o articolo al fine di indicizzarlo velocemente all’interno della SERP di Google è possibile compilare questo form.

SERP: il risultato zero

Il risultato zero all’interno della SERP di Google è chiamato Featured Snippet. In alune SERP è presente questo risultato che risponde in maniera chiara e concisa alla query scritta dall’utente. La Featured Snippet è caratterizzata da un contorno grigio e una posizione invidiabile nella SERP.

Featured Snippet: risultato zero nella SERP

Se volete approfondire il Featured Snippet nella SERP di Google vi invito a leggere l’articolo di Riccardo Esposito “Featured Snippet: come ho conquistato il risultato zero“.

SERP: controlla il posizionamento dallo Smartphone Android

Vuoi controllare il posizionamento delle tue parole chiave direttamente dal cellulare?

Leggi l’articolo SERPmojo: controlla SERP tramite App.

 

Per richiedere un preventivo gratuito contattaci. [btnsx id=”275″]

Facciamo corsi di formazione SEO, contattaci. [btnsx id=”275″]

 

Guarda il nostro video che spiega cos’è la SERP:

SERPmojo: la guida completa all'app gratuita

SERPmojo: controllo posizionamento keywords da Android

Controlla il posizionamento nella SERP di Google, Yahoo e Bing, le tue keywords direttamente dallo Smartphone con SERPmojo.

SERPmojo: App gratuita per il controllo del posizionamento delle keywords nella SERP

Non hai un PC a portata di mano? Non ricordi l’accesso a SeoZoom o SemRush?

Oggi vi proponiamo un App gratuita per Smartphone Android in grado di monitorare giornalmente il posizionamento nella SERP del vostro sito web, in base alle keywords scelte in numero illimitato.

Sito ufficiale di SERPmojo

SERPmojo anche in versione gratuita permette di monitorare un numero infinito di URL e keywords

Scarichiamo gratuitamente l’App SERPmojo dal Google Play Store

L’App SERPmojo in versione gratuita vi permette di inserire il vostro sito web (anche più di uno) e le keywords scelte per l’analisi sul posizionamento nella SERP. Uno dei vantaggi di questa App, oltre all’essere totalmente gratuita e con veramente poche limitazioni rispetto alla versione PRO a pagamento (4,99€), è la semplicità dell’utilizzo.

SERPmojo vi permette di controllare il posizionamento delle keywords scelte in vari motori di ricerca: Google; Yahoo; Bing.

Dopo circa 10 giorni di utilizzo intenso su più siti web ed articoli o pagine precise, possiamo sicuramente dire che SERPmojo è la miglior app gratuita Android, per la verifica ed il controllo giornaliero della posizione delle nostre amate parole chiave nella SERP.

Ovviamente l’App SERPmojo è stata paragonata alle principali App per Android disponibili sul Google Play Store.

Ecco i motivi per i quali è la migliore disponibile:

  1. Gratis! Gratis è bello e SERPmojo ha la versione gratuita con veramente pochissime limitazioni.
  2. URL e keywords illimitate. Questa fantastica App per Smartphone Android ci dà la possibilità di analizzare giornalmente URL e parole chiave illimitate.
  3. Ben tre motori di ricerca presenti. Potremo controllare sul display del nostro Smartphone le keywords presenti nelle SERP di Google, Yahoo Search e Bing.
  4. Versione PRO ad un prezzo veramente onesto e competitivo. Il gran lavoro che fa la versione gratuita dell’App ci rende molto felici di pagare soli 4,99€ per la versione PRO di SERPmojo.

 

Motori di ricerca: Google, Yahoo, Bing

SERPmojo in versione PRO: i vantaggi

I vantaggi della versione PRO dell’App SERPmojo, al costo di soli 4,99€ sono semplici ma efficaci:

  • Controllo posizionamento nella SERP in background con avviso
  • Dati analytics delle keywords scelte. Controllo andamento delle keyword in un arco temporale definito
  • Analisi delle parole chiave guadagnate o perse nel corso del tempo
  • Possibilità di selezionare la sola rete wi-fi per il controllo delposizionamento nelle SERP

Come scritto sopra, i vantaggi sono pochi ma molto utili, specialmente il controllo delle keywords in background. Nella versione free di SERPmojo il controllo viene fatto manualmente e con l’App aperta.

SERPmojo: il funzionamento, inserimento dell’URL e delle parole chiave

Ora potete leggere una piccola guida creata da SMSW a Fano. La riproduzione della guida non è vietata senza l’autorizzazione di Social Media e Siti Web a Fano.

Guida definitiva all’utilizzo dell’App SERPmojo

SERPmojo: Pagina iniziale dell’App – Passo 1

SERPmojo - App Android gratuita per il controllo della SERP

La pagina iniziale dell’App non è altro che il luogo dove verificare il posizionamento delle nostre Keywords nella SERP di Google, Yahoo e Bing. Per l’inserimento di URL e keywords vai al passo 4.

A fianco all’URL inserito, abbiamo il disegno di una piccola matita. Cliccando qui è possibile modificare, aggiungere o rimuovere keywords per il controllo della SERP di questo link.

Sulla sinistra dell’App vediamo la lista di keyword scelte sotto all’URL inserito. Cliccando sul numero corrispondete a Google, Yahoo o Bing vediamo l’andamento della posizione nella SERP dell’ultimo periodo.

Le tre barrette in alto a sinistra permettono di accedere al menù dell’App. Per le funzioni del menù vai al passo 3.

Il pulsante PRO permette di acquistare la versione PRO dell’App SERPmojo al costo di soli 4,99 € per accedere alle funzioni complete.

Il pulsante + (icona più), permette di aggiungere URL e keyowords per ogni nuovo link che inseriamo nell’App. Leggi il passo 3 della guida per configurare correttamente le URL e le keywords.

Il pulsante del cerchio (freccia a forma di cerchio), permette di effettuare l’aggiornamento del posizionamento delle keywords nelle varie SERP. Il controllo può essere fatto tutte le volte che volete, ma l’App vi può suggerire il fatto di aver già controllato il posizionamento durante la giornata.

Il pulsante dei tre pallini in alto a destra consentono di accedere in fila a: “Toggle select mode”, permette di selezionare e deselezionare determinate keywords; esportare o effettuare backup dei dati; impostazioni.

SERPmojo: Impostazioni dell’App – Passo 2

Nelle impostazioni è possibile modificare alcuni parametri importanti come la localizzazione le notifiche e altro.

Impostazioni dell'App gratuita SERPmojo

Ecco le voci delle impostazioni dell’App SERPmojo che possiamo modificare:

Localization: qui potete selezionare la nazione di default per le SERP nelle quali vogliamo effettuare il controllo. Potete scegliere il vostro paese di riferimento o lasciare “All countries and territories” se volete controllare il posizionamento in tutto il mondo.

Google: “safe mode”, permette di filtrare contenuti per adulti dalle ricerche.

Other: “include subdomains”, selezionandola l’App controlla anche il posizionamento dei sottodomini e mostra il posizionamento di quello più in alto; “keep screen on”, selezionandola permette di tenere lo schermo acceso mentre l’App verifica il posizionamento delle keywords nella SERP di Google, Yahoo e Bing; “show notifications”, selezionandola riceveremo una notifica non appena l’App SERPmojo ha terminato l’aggiornamento del posizionamento.

SERPmojo: Menù dell’App – Passo 3

Il menù dell’App è semplice ed immediato ed è composto da 7 voci, vediamole nel dettaglio:

Meunù dell'App gratuita SERPmojo

Ranking: vi permette di accedere alla pagina iniziale dell’App dove verificare URL e keywords inserite e le relative posizioni nella SERP.

Analytics: è una funzione prevista solo nella versione PRO al costo di soli 4,99 €. L’Analytics ti permette di monitorare nel dettaglio lo stato della parole chiave, le posizioni guadagnate o perse. Numeri e totali di variazioni di posizioni nella SERP.

FAQs: frequently asked questions. Domande frequenti sull’utilizzo dell’App SERPmojo.

Contact us: qui potete contattare lo sviluppatore dell’App per segnalare problemi o offrire suggerimenti per il suo miglioramento.

Spread the word: permette di condividere i risultati del posizionamento degli URL inseriti e le relative keywords.

Rate SERPmojo: reindirizza al Google Play Store dove è possibile recensire l’App SERPmojo.

Unlock PRO features: permette di sbloccare la versione PRO dell’App gratuita SERPmojo al costo di soli 4,99 €. Nel passo 1 della guida potete leggere le features che offre la versione PRO (a pagamento) dell’App.

SERPmojo: Come inserire URL e keywords nell’App – Passo 4

Ora veniamo al succo della guida, qui vediamo come inserire URL e keyword per, in seguito, monitorarne il posizionamento nelle SERP di Google, Yahoo e Bing.

SERPmojo, inserimento URL e keywords

URL details: sotto la voce “your RUL” inseriamo il link che vogliamo monitorare. Possiamo inserire un link di un articolo specifico o il dominio principale se vogliamo monitorare tutto il sito.

Localization: qui inseriamo il paese di riferimento della URL inserita sopra. Specificate un paese se diverso da quello messo precedentemente nelle impostazioni.

Keywords: cliccando sul +, possiamo inserire le parole chiave che ci interessa controllare.

 

Se hai bisogno di consulenza SEO o un preventivo gratuito [btnsx id=”275″]

SERPmojo, controlla il posizionamento delle parole chiave (keywords) dal tuo Smartphone Android

Ti ricordiamo che puoi scaricare l’app SERPmojo gratuitamente dal Google Play Store.

Scarica SERPmojo dal Google Play Store

 

Guarda il nostro video che spiega cos’è la SERP:


Se ti è piaciuta la guida, condividila su Facebook.

Sitemap: che cos'è e come utilizzarla correttamente

Sitemap: come crearla ed inviarla a Google

Avete mai sentito parlare della parola “Sitemap“? Oggi vi spieghiamo cos’è, come utilizzarla e come inviarla a Google per una corretta indicizzazione del sito web.

Sitemap: Cos’è e come utilizzarla

La Sitemap, in italiano mappa del sito, non è altro che una pagina generalmente in formato XML (eXtensible Markup Language) che raggruppa la struttura del sito.

La Sitemap è dunque una lista che elenca le varie pagine e articolo del nostro sito web.

Sitemap: a cosa serve

La Sitemap nasce per facilitare la navigazione dell’utente all’interno del nostro sito web, ha poi avuto una notevole importanza nell’attività di scansione della rete da parte dei così detti spider. Gli spider sono dei bot dei motori di ricerca che vanno ad analizzare i contenuti della rete. Questi spider sono coloro che vanno ad indicizzare i siti web in base ai contenuti pubblicati all’interno, che siano testuali o visuali. I così detti spider di Google, analizzano le pagine ed i contenuti multimediali presenti nella nostra sitemap così da indicizzare parte delle pagine presenti nel nostro sito web.

L’indicizzazione viene poi suddivisa fra link di pagine o articoli a link di immagini.

Sitemap: come utilizzarla al meglio

Potete generare una sitemap utilizzando i vari plugin presenti ad esempio su WordPress oppure semplicemente utilizzando uno dei tanti strumenti gratuiti online. Un plugin gratuito per la creazione di una sitemap, che ha tante altre funzioni oltre a questa è Yoast, del quale abbiamo parlato in questo articolo sull’utilizzo di Yoast per fare SEO.

Su tutti vi consiglio XML-Sitemap. Qui sarà sufficiente compilare il form inserendo il link del vostro sito web per avere la vostra pagina XML Sitemap.

Ora la Sitemap va comunicata a Google per permettere una corretta e sopratutto più rapida indicizzazione. Per sottomettere la nostra Sitemap occorre essere registrati al WebMaster Tool di Google (Search Console).

Aggiungete una nuova proprietà e seguite le istruzioni per verificarla. Ora nel menù a sinistra sotto la voce scansione, potrete aggiungere la Sitemap del vostro sito web. Scorrendo l’articolo troverete una guida con immagini annesse per un corretto invio della sitemap a Google Search Console.


Aggiornamento

Sito italiano per creare e gestire una sitemap

Siamo venuti alla conoscenza di un ottimo sito web grazie al quale è possibile realizzare gratuitamente la propria sitemap ed in seguito caricarla nella directory del proprio sito web.

Vediamo come fare:

Recarsi sul sito SeoUtility alla pagina Sitemap.

Come nell’immagine che segue, nello spazio apposito inserire il link del vostro sito web (corrisponde al dominio) compreso possibilmente di http:// oppure https://

Confermiamo nel pulsante appena sotto di non essere un robot ed allora selezionare “Genera Google Sitemap”.

generare-sitemap-con-seoutility

Ora si è aggiunto un pulsante che ci permette di scaricare la sitemap appena generata.

Il prossimo passo sarà quello di caricare la sitemap creata con SeoUtility nella root del proprio sito web.

Per farlo occorre accedere al proprio pannello di controllo del sito web (cPanel solitamente accedibile tramite login nell’hosting acquistato). Qui andremo nella voce “gestione file” (è anche possibile connettersi via FTP per velocizzare il caricamento).

Carichiamo il file sitemap.xml appena realizzato ed il gioco è fatto.

L’ultimo passo è quello di inviare la sitemap a Google tramite il loro servizio di Google Search Console.

Accedendo al sito della Search Console di Mountain View, selezioniamo la proprietà che ci interessa qualora ne avessimo più di una, ora ci troviamo sulla destra la voce sitemap, cliccate nel pulsante come nell’immagine seguente:

pulsante-sitemap-search-console

Ora abbiamo la schermata per la gestione della sitemap. Il nostro obiettivo vi ricordo è inviare la sitemap creata poco fa con il tool italiano e gratuito di SeoUtility.

Clicchiamo sulla destra su invia sitemap e ci chiederà l’indirizzo in cui attualmente si trova.

Come-inviare-sitemap-a-google

Avremo preimpostato il dominio del sito (root) e scriveremo soltanto sitemap.xml a meno che non gli abbiate cambiato nome o percorso.

Ora la sitemap è stata inviata, se non ricevete alcun errore sarà sufficiente aspettare qualche giorno e Google inizierà ad elaborare la vostra mappa digitale del vostro sito web e comincierà l’indicizzazione. In caso di errori vi sarà comunicato a temo debito!

 

Se non hai ancora effettuato il collegamento del tuo sito web al tool WebMaster Search Console di Google allora leggi l’articolo seguente:

Come verificare proprietà su Google Search Console

Backlink cosa sono ed a cosa servono

Backlink, cosa sono e a cosa servono

Backlink come traduzione letterale significa link dietro, quindi sta a significare un link esterno che porta al tuo sito web. Tutti i link esterni hanno lo stesso valore? A cosa serve avere un link esterno che porta al tuo sito web?

Backlink, cosa sono e a cosa servono

Ora che vi abbiamo spiegato cosa sono i backlink spieghiamo a cosa servono. Oltre chiaramente a portare traffico nel tuo sito web i Backlink hanno un’altra importante funzione, aumentare il Page Rank del tuo sito internet su Google. Il Page Rank è un valore che Google da al tuo sito web, una sorta di autorevolezza.

Quindi, più Backlink ho e più è alto il mio Page Rank?

No, assolutamente no. Occorre fare molta attenzione in questo caso, non tutti i link esterni hanno lo stesso peso per Google. Un sito con alto Page Rank che linka il tuo sito web è un’ottimo Backlink. Un sito con basso Page Rank che linka il tuo sito web è un pessimo Backlink.

Facciamo un esempio pratico. Se vi trovate nel settore della moda ed una influencer (generalmente blogger che hanno molte visite) o fashion blogger scrive un articolo dove parla del vostro brand, prodotto o del vostro sito web in tal caso è un’ottimo Backlink.

Non è facile trovare Backlink di qualità occorre lavorare e lavorare sodo. I link naturali (condivisioni, citazioni e pubblicazioni spontanee) sono i Backlink di maggiore qualità.

Strategia Backlink per indicizzarsi su Google

Backlink a basso costo

Diffidate da chi vi offre Backlink gratuiti o a basso costo. Esistono vari siti di servizi sul web che inseriscono il vostro sito web con pochi euro all’interno di directory, forum o siti spam. Evitate come la peste questi servizi in quanti penalizzano l’autorità del vostro dominio agli occhi di Google.

Una bassa autorità del dominio, o peggio ancora dei backlink di bassa qualità o già penalizzati da Google non possono fare altro che arrecare danno al vostro sito internet.

La tecnica di creazione e ricerca di Backlink è una pratica lunga e molto difficile.

Backlink attraverso una PBN

La PBN è un Private Blog Network, cioè una serie di siti web realizzati soltanto per spingere altri siti web attraverso backlink. La qualità di essi varia da molti fattori alcuni dei quali imprescindibili.

Leggi di più qui Cos’è una PBN (Private Blog Network)?

Ricordate, link esterno naturale = backlink di qualità

Contattaci per un preventivo

[btnsx id=”275″]

Web Agency a Fano Pesaro e Urbino

Sito responsive, cos’è ed a cosa serve?

Un sito responsive è un sito web creato in modo tale che si adatti nel migliore dei modi a dispositivi con risoluzioni diverse, quali computer, tablet e smartphone. Con l’avvento dei tablet e degli smartphone, negli ultimi anni la navigazione da tali dispositivi ha largamente superato la navigazione proveniente dal Personal Computer o Notebook.

Sito responsive, cos’è e a cosa serve?

Non c’è definizione migliore che quella di Wikipedia per definire un Sito Responsive:

“Il design responsivo, o responsive web design (RWD), indica una tecnica di web design per la realizzazione di siti in grado di adattarsi graficamente in modo automatico al dispositivo coi quali vengono visualizzati (computer con diverse risoluzioni, tablet, smartphone, cellulari, web tv), riducendo al minimo la necessità dell’utente di ridimensionare e scorrere i contenuti.”

Perchè è così importante fare un sito responsive?

Come spiegato precedentemente il primo fattore di importanza è l’adattabilità del sito ai dispositivi portatili. Supponiamo di avere un sito lento su smartphone o con immagini troppo grandi o poco leggibile, l’utente non approfondirà la lettura nel sito e lo abbandonerà, probabilmente per non tornarci.

Uno degli obiettivi quando si apre un sito web aziendale è quello di trattenere l’utente più a lungo possibile all’interno del nostro sito.

Secondo fattore di importanza è il peso che Google da ai siti web responsive. Qualora tu abbia un sito web con ottimi contenuti, originali e leggibili ma non responsive, Google penalizzerà il tuo sito nella SERP (search engine results page, pagina dei risultati della ricerca organica).

Hai un sito web responsive? Testalo gratuitamente

Possiamo accedere alla sezione nella Search Console di Google per testare il nostro sito web in versione mobile. Qui viene definito Mobile Friendly test di ottimizzazione per dispositivi mobili.

Quindi in ottica di una buona strategia SEO avere un sito web responsive è fondamentale.

Se il tuo sito web non è ottimizzato per i dispositivi mobili, sia Smartphone che Tablet, oltre alle visite che perdi degli utenti che non riescono a navigare, rischi in una penalizzazione da parte di Google. La penalizzazione consiste nella perdita del proprio posizionamento all’interno della SERP di Google. Approfondisci l’argomento SERP.

Leggi anche l’articolo “perchè fare attività SEO”?

 

Se ti interessa una strategia per far salire il tuo sito web in prima pagina sulle ricerche di Google contattaci per un preventivo gratuito. [btnsx id=”275″]

Perchè fare attività SEO?

Cosa è la SEO e come funziona

La definizione di SEO

Iniziamo spiegandovi di cosa stiamo parlando. SEO significa Search Engine Optimizazion e corrisponde nella ricerca delle parole chiave che l’utente digita su Google per effettuare una ricerca. L’attività SEO corrisponde nell’analisi e la ricerca delle apposite query (parole o frasi) che vengono ricercate su Google dai vari utenti.

Cos’è la SEO nel Web Marketing?

La SEO, all’interno di un contesto di Web Marketing, è l’insieme delle tecniche e strategie che permettono ad un sito web di essere trovato dagli utenti tra i risultati organici (non a pagamento) dei motori di ricerca.

La SEO comprende tutte quelle attività on-page (corretto utilizzo dei tag H1, H2, del title, della scelta delle parole chiave) ed off-page (esempio link building, condivisioni Social) che permettono ai contenuti di un sito web di essere visibili tra i risultati organici dei motori di ricerca per determinate parole chiave, e di essere trovati da parte di utenti interessati a quella tipologia di contenuto.

La SEO è quindi un importante strumento di marketing che permette di intercettare clienti o potenzialmente tali, ma sicuramente utenti interessati ad un determinato argomento/prodotto/servizio. L’obiettivo è in seguito quello di attirarli sul nostro sito web nel momento stesso in cui loro esplicitano questo bisogno tramite una ricerca, con lo scopo di soddisfare le loro esigenze.

Perchè fare attività SEO?

Nelle ricerche giornaliere effettuate su Google, circa il 35% degli utenti sceglie di cliccare sul primo sito che compare sulla SERP. La SERP è la Search Engine Result Page, quindi la pagina di risultati che viene fuori dalla ricerca organica dell’utente.

Oltre il 95% delle ricerche finiscono con un click nella prima pagina della SERP, ciò sta a significare che se il tuo sito web non è visibile in prima pagina significa essere assenti.

Necessiti di un preventivo da un SEO specialist?

[btnsx id=”275″]

SEO citazioni

“Se hai un cadavere, nascondilo nella seconda pagina di Google.”

“Stare in seconda pagina su Google è come le App che stanno nella seconda pagina del tuo Smartphone.”

Investire nella SEO per un ritorno commerciale

Quante volte ci è capitato di trovarci nelle condizioni di cercare un attività su Google? Se non troviamo informazioni su quella attività che facciamo?

La risposta è semplice. Se sto cercando ad esempio un supermercato vicino all’hotel nel quale alloggio, Google grazie al suo algoritmo mi proporrà un supermercato vicino a me considerando la mia posizione GPS. La stessa cosa vale quando sono in vacanza e non so dove andare a cenare questa sera.

Se la nostra attività non è presente ne su Google con il servizio gratuito “My Business” (ti invitiamo anche a leggere l’articolo “Local Business, la mappa sul proprio sito“), e/o non siamo presenti nella prima pagina della SERP di Google la nostra attività non comparirà. Dunque perdiamo un potenziale cliente diretto. Considerando che l’utilizzo dello Smartphone per la ricerca di un’attività o un negozio ha avuto una crescita esponenziale, l’attività di SEO deve essere una parte basilare della comunicazione di Marketing di una società nel 2017.

Perchè fare attività SEO - Web Agency Specialist

Attività SEO è un investimento

L’attività di SEO, che ricordiamo è la tecnica utilizzata dagli specialisti nel settore per cercare di ottimizzare il posizionamento di un sito web nella SERP di Google. Leggi l’articolo “Che cos’è la SERP e come funziona” per approfondire l’argomento.

L’ottimizzazione di un sito in ottica SEO non viene fatta dall’oggi al domani. Settori saturi, necessitano settimane se non mesi per posizionarsi nelle prime posizioni del motore di ricerca. Nel caso di ricerche tramite keywords (parole chiave) meno utilizzate invece, l’ottimizzazione sarà più semplice e più rapida.

Ciò significa che l’attività SEO è un investimento a lungo termine che è in grado di portare molti benefici in termine di visibilità e visite da parte degli utenti. Questo corrisponde a potenziali vendite del nostro prodotto o servizio. Aumentare le vendite a sua volta porta un aumento dei guadagni per la nostra attività.

Dunque si, fare attività SEO è importante per la nostra società.

Google offre numerosi strumenti in grado di aiutare le aziende a migliorare la SEO del proprio sito.

Fra questi spicca Google Analytics, un software gratuito in grado di monitorare le visite sul vostro sito web, capire da dove provengono, quanto tempo sostano nel sito web e le conversioni che generano (raggiungimento di un obiettivo prefissato, es. acquisto prodotto o richiesta contatto).

Un altro strumento fondamentale è Google Search Console, un  software grazie al quale riusciamo a monitorare le parole chiave che portano visite al tuo sito web.

Sito responsive, il primo passo per fare attività SEO

Il primo passo per realizzare un attività SEO è quella di avere o creare un sito web responsive. Un sito web è responsive quando si adatta correttamente alla visualizzazione da dispositivi mobili come Smartphone e Tablet. Approfondisci l’argomento nel nostro articolo “Sito web responsive, cos’è e a cosa serve“.

Blog per fare attività SEO

In molti casi avere un blog internamente o esternamente al proprio sito web aziendale, permette di ricevere molte visite e condivisioni, aumentando così la notorietà del nostro brand e sito internet sia agli occhi di Google che dei clienti o potenzialmente tali.

Leggi l’articolo “Blog copiato? No grazie!” per approfondire l’argomento.

Contattaci per un preventivo gratuito. [btnsx id=”275″]

Ti potrebbe interessare il nostro ebook SEO per Google – La guida definitiva
SEO-per-Google-ebook