• +393319240000
  • info@socialsitiwebfano.it

Archivio mensile 19 Settembre 2017

ubersuggest-funzioni

Come usare UberSuggest per trovare keyword

UberSuggest è un sito web che offre un servizio gratuito utile a chiunque abbia a che fare con il web, più precisamente con chi si occupa di SEO (ottimizzazione del posizionamento sui motori di ricerca), webmaster (coloro che si occupano di realizzazione di siti web) e copywriter (la figura che si occupa di scrivere articoli per il web).

Come usare UberSuggest per trovare keyword

Scopriamo UberSuggest e le sue principali funzioni.

Get more keywords ideas

Use Übersuggest to quickly find new keywords not available in the Google Keyword Planner. Take your keyword research to the next level with tons of keyword ideas for SEO, PPC and your next content marketing campaign.

 

Questo breve testo è preso dalla homepage di UberSuggest e tradotto in italiano significa questo:

Utilizza UberSuggest per trovare nuove parole chiave che non sono disponibili nel Google Keyword Planner. Porta la ricerca delle parole chiave al prossimo livello con tonnellate di idee per la SEO, PPC ed per la tua prossima campagna di Marketing.

Parole chiave a coda lunga

Con “coda lunga” si intendono quelle parole chiave non primario. poniamo l’esempio della parola chiave “realizzazione siti web” una coda lunga potrebbe essere aggiungere alla keyword principale alcune parole correlate come “in wordpress” oppure “economici”.

Grazie a quelle parole, andiamo a coprire una ricerca dell’utente ancora più specifica, in quanto la parola chiave diventerà:

Realizzazione siti web in WordPress oppure Realizzazione siti web economici.

Questo discorso di coda lunga è utile e fondamentale in una strategia SEO sopratutto, in quanto ci permette di scovare nuove nicchie non ancora battute o quanto meno di farci trovare sui motori di ricerca senza andare a competere con i colossi del web che sono posizionati con parole chiave comuni e non specifiche.

La funziona essenziale dunque di questo tool è quella di suggerire decine anzi centinaia di parole chiave affini a quella che tu darai in pasto al software.

Come prima cosa impostiamo il paese nel quale vogliamo fare la ricerca, nel nostro caso l’Italia:

ubersuggest-ricerca-in-italia

Ubersuggest come effettuare una ricerca in Google Italia

UberSuggest, troviamo suggerimenti alle parole chiave (keywords)

Il prossimo passo è quello di dare in pasto al programma la parola chiave principale che vogliamo analizzare, UberSuggest ci restituirà una serie di risultati con parole chiave affini e correlate che ci aiuteranno a trovare altre keywords da utilizzare per raggiungere il nostro obiettivo.

Come possiamo vedere dall’immagine che segue, proponendo la seguente parola chiave “realizzazione siti web” il software ci suggerisce inizialmente le parole chiave più utilizzate su Google che contengono la chiave primaria da noi inserita nel tool. In seguito ci suggerisce le keywords correlate che contengono la nostra parola chiave principale con suggerimenti che partono con tutte le lettere dell’alfabeto:

risultati-keywords-ubersuggest

Le parole chiave che ci suggerisce UberSuggest

UberSuggest il WordCloud

Il WordCloud, pensato da UberSuggest è una composizione delle principali parole collegate alla keyword principale che abbiamo inserito.

Le parole vengono inserite nell’immagine a differenti dimensioni a seconda del volume di ricerca che esse hanno. È molto carino e utile utilizzare questa immagine da inserire nel prorpio articolo del blog o altro.

ubersuggest-word-cloud

WordCloud di UberSuggest, le principali keyword in un’immagine

UberSuggest, la funzione che non conoscevi

Forse ti è sfuggita questa grande funzione di UberSuggest.

Non solo puoi trovare gratuitamente keywords correlate a quella principale in Google, bensì puoi effettuare la stessa ricerca su altre tipologie di motori, ad esempio YouTube (il principale portale di video online), Google Immagini (il principale motore di ricerca di immagini appunto), Shopping (integratore di prodotti in vendita online di Google), Google News (aggregatore di notizie della società di Mountain View).

ubersuggest-ricerca-immagini-youtube

Ubersuggest trova keywords in youtube, immagini, shopping e news.

 

Se necessiti di assistenza, o un preventivo per la tua prossima campagna di Web Marketing, non esitare a contattarci per un consulto:

 


facebook-ads-dispositivi-mobile

Facebook ADS: Come sponsorizzare solo su Android o iOS

Facebook ADS sta aumentando ogni giorno le sue personalizzazioni, questo è possibile grazie al diminuimento di visualizzazioni organiche dei post favorendo così le sponsorizzazioni a pagamento sul Social di Mark Zuckerberg.

Facebook ADS: Ora è possibile differenziare il sistema operativo mobile

Da parecchio tempo è possibile personalizzare dove mostrare la propria sponsorizzazione su Facebook.

Vale a dire dare la possibilità di visualizzare il proprio post a pagamento su Facebook, su Instagram e su Audience Network.

Audience Network ti consente di estendere le tue campagne pubblicitarie al di fuori di Facebook per raggiungere il tuo pubblico su siti Web e App su dispositivi diversi, come ad esempio computer e notebook, dispositivi mobili e Smart TV (questa funzione potrebbe non essere ancora disponibile per tutti gli account).

posizionamento-facebook-ads

Scegliere dove mostrare i post sponsorizzati su Facebook

Facebook ADS: Sponsorizzare solo su Android o iSO (Apple)

Da poco tempo invece è possibile selezionare il sistema operativo mobile sul quale andare a mostrare i propri contenuti sponsorizzati.

Per farlo occorre andare sotto la voce posizionamenti e nelle impostazioni avanzate è possibile scegliere e selezionare i “Dispositivi mobili e sistemi operativi specifici”.

Qui possiamo selezionare solo dispositivi Android oppure solo dispositivi iOS.

sponsorizzazione-sistemi-operativi-mobili

Scegliere se sponsorizzare solo su Android o iOS

Una delle novità di Facebook ADS. Un esempio nel quale potrebbe essere utile scegliere di differenziare i sistemi operativi può essere quella di sponsorizzare un App che esce solo per Android o solo per iOS. Chiaramente qualora non abbiate una specifica motivazione per differenziare la visualizzazione dei post consigliamo di lasciare la voce “Tutti i dispositivi mobili” come la troviamo di default.

 

 


gestionale-per-ecommerce

Perché è importante avere un sito e-commerce integrato al gestionale

31,7 miliardi di fatturato, con una crescita del 10% rispetto all’anno scorso: questi sono i numeri del commercio online in Italia.

Un’impennata che ha interessato tutti i settori del mercato, in particolare quello dell’abbigliamento, che da solo ha generato il 2% del ricavo totale, con un giro d’affari superiore ai 600 milioni di euro.

Questi dati incoraggianti dovrebbero spingere qualsiasi negoziante ad aprire la propria attività al commercio in rete, creando una strategia di vendita unitaria, che metta insieme negozio fisico e online.

E-commerce per vendere sul web

Tuttavia, per vendere e guadagnare sul web, non basta semplicemente avere un sito e-commerce, ma è fondamentale che questo sia integrato con un software gestionale specifico per il fashion retail.

Per quale motivo?

Solitamente chi gestisce un e-commerce senza avere alle spalle un gestionale specializzato, si ritrova ad affrontare quotidianamente una serie di problemi quali

  • utilizzare il CMS del sito come se fosse un gestionale, con tutti gli errori e le limitazioni del caso
  • gestire un doppio carico dei capi, con una grossa perdita di tempo e denaro non riuscendo a pubblicare, in modo veloce, tutti gli articoli all’interno dell’e-commerce
  • non avere una perfetta conoscenza delle giacenze di magazzino, né tantomeno la possibilità di condividerle; un problema che si amplifica quando ci si trova a gestire più negozi, incorrendo in spedizioni degli articoli ritardate o sbagliate, con clienti che disdicono l’ordine perché il capo non è più disponibile
  • gestire manualmente tutta la sezione riguardante i prodotti (caricamento, schede, aggiornamenti, ecc…)
  • difficoltà nel gestire grossi volumi di dati, il che determina una serie di limitazioni nella quantità di prodotti da caricare e risultati solo parziali per quanto riguarda le vendite e le altre attività del negozio
  • impossibilità di avere una comunicazione in tempo reale tra i due sistemi

Tutti queste situazioni, neanche a dirlo, influiscono in modo molto negativo sulle vendite e sui guadagni dei negozianti, perché non permettono di sfruttare un sito e-commerce al massimo delle potenzialità.

Come vendere online per avere profitto

Secondo un recente studio, ridurre anche solo del 5% l’abbandono del carrello da parte dei visitatori porta ad un incremento dei profitti tra il 25% e il 125%; per questo c’è bisogno di gestire alla perfezione il proprio e-commerce, integrandolo ad un gestionale specifico che permette di conoscere in tempo reale le giacenze di magazzino e le disponibilità dei capi.

Per i negozianti che vogliono cominciare a vendere online con un sistema unico, che comprenda gestionale, e-commerce e integrazione con i maggiori marketplace, un’ottima soluzione è rappresentata dal gestionale con ecommerce integrato MagicStore.

Con MagicStore è possibile vendere online in modo semplice e veloce perché, con pochi click, si scelgono i capi da pubblicare in rete direttamente tra quelli presenti all’interno del gestionale, senza preoccuparsi di effettuare più volte il carico e lo scarico, perché tutto viene gestito contabilmente e in maniera automatizzata, come i prodotti venduti che vengono eliminati dalle disponibilità.

Questi sono i vantaggi che può ottenere non solo chi ha un sito per la vendita online con MagicStore, ma anche chi ha già un e-commerce, perché MagicStore è un gestionale integrato con Prestashop.

In questo modo, i negozianti possono dare maggiore visibilità alla propria attività, raggiungendo potenziali clienti in tutto il mondo, eliminando le giacenze di magazzino e il rischio di invenduto.

Un risultato non da poco per i retailer che vogliono avere, tramite il loro sito e-commerce, un canale di vendita alternativo, con il quale aumentare le vendite e i guadagni della propria azienda.

COME-INSTALLARE-automaticamente-wordpress-tophost

Come installare automaticamente WordPress su TopHost

TopHost è il servizio di hosting e spazio web più economico in Italia. Offre tre tipologie di servizi per un massimo di circa 25 € IVA compresa.

 

Ti può interessare leggere anche:

Hosting-Tophost-economico-e-piu-affidabile-italia
TopHost, l’hosting italiano economico ed affidabile

Come installare automaticamente WordPress su TopHost

Per i meno esperti del mondo digitale, abbiamo pensato di fare una piccola guida su come installare automaticamente WordPress attraverso il pannello di controllo di TopHost.

Partiamo dal presupposto ovviamente che abbiamo già acquistato uno dei due servizi TopHost che oltre al dominio includano anche lo spazio web per ospitare il sito internet.

Ora dobbiamo accedere al pannello di controllo, per farlo fate login sul sito www.tophost.it e vi troverete con questa schermata:

accedere-pannello-di-controllo

Come accedere al pannello di controllo su TopHost

Accesso al pannello di controllo ed installazione

Cliccando sull’ingranaggio del dominio dove desideriamo installare wordpress ed accederemo alla pagina del pannello di controllo. Inserite login e password e sarete dentro. Ci ritroveremo di fronte ad una schermata così:

installare-wordpress-su-tophost

Come installare automaticamente wordpress su TopHost

Cliccando sul pulsante evidenziato “Installazione WordPress”, partirà una schermata che vi chiederà conferma dell’installazione, cliccate ok e proseguiamo.

Installazione di WordPress completata, ora l’accesso al backend

Al termine del caricamento si avvierà una pagina che vi conferma l’installazione di WordPress. È importante prendere nota dei dati che vi vengono forniti ora, perchè sono i parametri di accesso al “backend” del sito web in WordPress.

installazione-automatica-wordpress

Installazione automatica di WordPress dal pannello di controllo su TopHost

L’accesso alla gestione del sito internet in WordPress è sempre strutturata in questo modo: www.dominioacquistato.it/wp-admin

Come vi suggerirà TopHost infatti accedendo a quel link, vi verrà richiesto login e password, qui inseriremo quelli che il servizio di hosting ci ha appena comunicato (ecco perché era importante prendere nota).

Ora siamo pronti per iniziare a strutturare il sito web e farlo posizionare in prima pagina su Google.